Nuove emissioni Euro: 2 euro Grecia e Repubblica di San Marino 2014

articolo2 euro 150º anniversario annessione delle Isole Ionie alla Grecia, in vendita qui.

Nella parte interna della moneta è raffigurata una stella a sette punte recante in greco l’iscrizione «150 ANNI DI UNIONE TRA LE ISOLE IONIE (EPTÀNISA) E LA GRECIA 1864-2014», il nome del paese di emissione «REPUBBLICA ELLENICA» e il marchio della Zecca di Stato greca. Gli stemmi delle Isole Ionie occupano gli spazi esterni tra una punta e l’altra della stella. Racchiude il disegno una cornice con motivo a onda stilizzata.
Sull’anello esterno della moneta figurano le 12 stelle della bandiera dell’Unione europea
Tiratura: 750.000 esemplari.

 

articolo2 euro 400º anniversario della morte di El Greco, in vendita qui.

Nella parte interna della moneta è raffigurato un ritratto di Domenikos Theotokopoulos («El Greco»). In secondo piano è rappresentata una figura esemplificativa dell’opera e della tecnica del pittore; sulla sinistra, l’anno 2014 e la firma caratteristica dell’artista (Domenikos Theotokopoulos Epoiei); sulla destra, il marchio della Zecca di Stato greca. Racchiudono il disegno l’iscrizione in greco «DOMENIKOS THEOTOKOPOULOS 1541-1614» e il nome del paese di emissione «REPUBBLICA ELLENICA».
Sull’anello esterno della moneta figurano le 12 stelle della bandiera dell’Unione europea.
Tiratura: 750.000 esemplari

 

articolo2 euro 90° anniversario della scomparsa di Giacomo Puccini, in vendita qui.

Manon Lescaut (Torino, Teatro Regio, Febbraio 1893), La Bohème (Torino, Teatro Regio, Febbraio 1896), Tosca (Roma, Teatro Costanzi, Gennaio 1900), e Madama Butterfly (Brescia, Teatro Grande, Maggio 1904), La fanciulla del West. Con queste opere Giacomo Puccini, diventò il Maestro. I suoi lavori vennero rappresentati in Europa ed in America. Sino all’ incompiuta Turandot, postuma e terminata da Franco Alfano nel 1926, che s’impose nel panorama internazionale con lo stesso successo delle altre opere. Il Maestro seppe coniugare l’eredità dell’Ottocento, conferendo alle sue opere originalità e un forte senso comunicativo. Con lo stesso slancio ed ecletticità fu in grado di toccare tutti i generi, dal drammatico al mistico sino al comico, ma le sue peculiarità restarono quelle liriche, dove l’idillio, la nostalgia, la piccola vita a due e la morte costituirono il fulcro della sua opera artistica.
Distante dal nazionalismo e capace di amalgamare linguaggi e culture musicali differenti, ebbe sempre la capacità di suscitare l’ammirazione del pubblico, non altrettanto della critica, in particolare italiana, che guardò a lui per molto tempo con sospetto e talvolta con ostilità, giungendo ad una sua rivalutazione solo in una successiva fase storica. L’intensità pucciniana raggiunse i punti più alti nel suo espressivo e personale recitativo melodico, rimasto ineguagliato e senza eredi. A novant’anni dalla sua scomparsa, non a caso, il Maestro e le sue opere continuano a riempire di gloria i teatri di tutto il mondo. Nella moneta è raffigurato il volto del maestro Giacomo Puccini attorniato dalla scritta G. Puccini l’anno di emissione e la dicitura SAN MARINO.
Tiratura: 100.000 esemplari.

Questa voce è stata pubblicata in Monete e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *